Il cervello: accenderlo non consuma petrolio

L'autolesionismo di un referendum strumentale

Tutto l’autolesionismo di un referendum strumentale

Alcune considerazioni sul Referendum battezzato inopportunamente “To-Triv” del 17 aprile prossimo. Perché di manipolazioni dell’informazione ne sono state fatte anche troppe

1) Il quesito referendario chiede agli Italiani se vogliono impedire il rinnovo delle concessioni già esistenti per l’estrazione. Ciò riguarda diverse piattaforme operanti entro le 12 miglia marine (circa 22 km dalla costa). In altre parole se vincono i Sì, allo scadere delle attuali concessioni verrà loro semplicemente impedito di continuare l’estrazione, anche se i giacimenti sono ancora sfruttabili per un numero indeterminato di anni.

2) Dal punto (1) si deduce che non si tratta di votare contro nuove installazioni, come viene invece fatto credere. Queste sono infatti già oggi proibite entro le suddette 12 miglia marine. Si traggano quindi le debite conclusioni quando si leggono commenti che mirano a far credere agli Italiani che se non votano Sì si troveranno trivelle petrolifere a pochi metri dalla riva, come per esempio affermato tramite comunicato stampa da Vincenzo Pepe, Presidente del Partito ambientalista europeo.

3) Quando vi fanno vedere foto di disastri petroliferi state attenti: circolano foto thailandesi spacciate per tunisine. Perché la creazione di artefatti ingannevoli è parte integrante del dna ecologista.

4) La stragrande maggioranza delle piattaforme in questione estrae metano, non petrolio. Continuare a fare flash mob sventolando teli neri e caricando sul web infografiche di sirene imbrattate di catrame fa quindi parte del suddetto dna fraudolento dei sedicenti ecologisti.

5) Cassate ogni commento che parla di trivelle. Trattasi di piattaforme, non di trivelle. Le trivelle trivellano, le piattaforme estraggono. Fra le prime e le seconde corre la differenza che vi è fra le automobili e le catene di montaggio che le hanno prodotte. Dove iniziano le prime, finiscono le seconde. Ficcatevelo in testa: le piattaforme NON sono trivelle. E chi vi martella con questo termine lo fa solo perché la parola “Trivelle” ha un impatto emotivo superiore, ovviamente negativo. Chi si fa strumentalizzare è un babbeo.

6) Non esiste alcuna contraddizione fra lo sviluppo delle rinnovabili e l’estrazione del metano. Gli idrocarburi rappresentano il nostro passato e buona parte del nostro presente. Le rinnovabili hanno fatto da poco capolino nel nostro presente e rappresentano il nostro futuro. La fase di transizione sarà quindi molto lunga, piaccia o meno, perché al netto dei complottismi peracottari è estremamente complesso convertire l’intero comparto energetico e non è cosa che si possa fare da un giorno con l’altro. Quindi, quel metano adriatico ci serve oggi e continuerà a servirci per altri 2-3 decenni almeno. Bloccarne l’estrazione oggi, ex abrupto, non farebbe altro che aumentare le importazioni di gas da Russia e Libia. E questo dovrebbe forse essere il giusto modo in cui esprimere il quesito referendario: “Volete voi aumentare le importazioni di metano da Libia e Russia, inasprendo ulteriormente la dipendenza energetica italiana dai Paesi stranieri?“. Se vuoi votare Sì, fatti quindi qualche domanda.

7) In realtà il referendum è nato dalla volontà di otto governatori di Regione di dare calci negli stinchi al Governo Renzi, il quale con lo “Sblocca Italia” s’intende di acquisire il diritto di scavalcare le autonomie locali in caso di opere di utilità nazionale. Come una volte i Re medievali dovevano fare i conti con i nobili feudatari, lasciando loro ampie concessioni su cosa fare nei propri possedimenti, oggi il Presidente del Consiglio e il suo governo devono fare i conti con i valvassori e valvassini politici periferici, i quali mal sopportano di essere scavalcati e piantano quindi casino per difendere la propria influenza sul territorio. Se non volete Renzi, non votatelo alle prossime elezioni politiche. Votare Sì a questo referendum per fare un dispetto a Renzi è come tagliarsi i coglioni per fare dispetto alla moglie.

8) Prendere ad esempio Costa Rica e Danimarca per il grado di indipendenza energetica è esercizio contorto sotto molteplici aspetti. Le due nazioni messe insieme non fanno la popolazione della sola Lombardia, la quale ha per giunta un livello di industrializzazione molto più alto della somma delle succitate Costa Rica e Danimarca. Se non si ha il senso delle proporzioni, qualsiasi affermazione rischia perciò di cadere nel ridicolo. In Costa Rica, peraltro, hanno moltiplicato l’idroelettrico, costruendo dighe sulle loro montagne per meglio sfruttare l’abbondante pluviometria del Paese. In Danimarca hanno invece riempito il mare davanti alle loro coste di pale eoliche, sfruttando il vento costante e robusto che spira gagliardo nel Mare del Nord. Qui in Italia se proponi di costruire dighe per produrre idroelettrico gli ambientalisti ti sbranano. Come pure sorgono pugnaci comitati del No per i parchi eolici, sulla terraferma e off-shore. Vedesi i cinque grandi progetti di parchi eolici off shore bloccati dai summenzionati feudatari politici locali, col supporto di associazioni e comitati di cittadini. Si protesta pure contro le biomasse, contro il geotermico e contro il fotovoltaico se questo non sia posizionato esclusivamente sui tetti delle case nelle città. Ovvero uno sputo di superficie rispetto a quella che servirebbe all’Italia. A parole gli pseudo-ambientalisti vogliono quindi le rinnovabili, ma nei fatti si oppongono costantemente alla loro realizzazione fisica (tranne i succitati pannelli solari sui tetti).

In considerazione di quanto sopra si può quindi concludere che:

1) se non volete regalare soldi ai Paesi stranieri, non votate al Referendum. Anche perché poi il rubinetto nelle loro mani sarebbe ancora più grosso di quanto già lo sia oggi.
2) Se volete vedere l’Italia accelerare sul serio sulle rinnovabili (tutte) rendete inoffensivi gli ambientalisti e lasciateli blaterare fra di loro, lontani dalle ribalte mediatiche e politiche. Dopo le molte mafie, la corruzione politica e l’inefficienza degli enti pubblici, sono la quarta causa della paralisi del nostro Paese.

 

(Articolo pubblicato su “Strade – Verso luoghi non comuni”. Per leggerlo cliccare qui)

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate quindi ogni eventuale suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

Annunci

L’isola che non c’è

CarpentieriLa Sardegna scopre un giacimento da tre miliardi di metri cubi di metano, ma le Leggi di tutela ambientale e paesaggistica bocciano il progetto fin dalle primissime fasi, quelle di prospezione geologica esplorativa. Inutile la valutazione d’impatto ambientale redatta dalla Saras, società della famiglia Moratti che vorrebbe trasformare quel metano in euro sonanti

Ai prezzi di mercato, rilevabili nelle bollette, si parla di un valore di oltre un miliardo di euro. Metano di buona qualità, contenuto nel sottosuolo in ragione di tre miliardi di metri cubi. Un vero e proprio tesoro gassoso. La società Saras, della famiglia Moratti, redige un progetto vocato unicamente alla valutazione del “giacimento”, da effettuarsi tramite trivellazione. E qui cominciano i guai, perché la documentazione raccolta dalla Saras serve praticamente a zero. Valutazione di impatto ambientale inclusa. Quella zona è a 400 metri dalla palude di S’Ena Arrubia, area protetta da vincoli severi di tipo urbanistico e paesaggistico. Ergo, il progetto Eleonora, questo il nome datogli dai Moratti, viene mandato nel limbo dei No senza passare quasi dal via. E, a quanto pare, nemmeno la valutazione d’impatto ambientale redatto dalla società è valso più di un rotolo di carta igienica in sede di decisione. Soldi e tempo perso per i Moratti: il servizio Sostenibilità ambientale e valutazione degli impatti, in acronimo Savi, ha infatti respinto la richiesta della Saras chiosando che “Si comunica l’improcedibilità della procedura in esame, disponendone, al contempo l’archiviazione”. La procedura non può procedere. Punto, archiviato. Avanti un altro.

Il no è arrivato quindi ancor prima di cominciare: in quelle aree vi sono vincoli inviolabili davanti ai quali ci si ferma e basta. Punto, punto e virgola, due punti! Ma si, fa’ vedere che abbondiamo, avrebbe sottolineato Totò al compare Peppino.

Il rigore mostrato dai decisori, alquanto ligi nel rispetto delle norme e delle procedure, pare preservarne in modo ferreo le coscienze. Tanto, si potrebbe maliziosamente pensare, siamo in un Paese ove fra Politica, comparto Pubblico e comparto Privato c’è da sempre un fastidioso e suicida scollamento, il cui vuoto è riempito da codici, codicilli e procedure di cui al comma barra bis. Lo stipendio di Parlamentare o di Direttore di Ente pubblico arriva lo stesso, verrebbe cioè da concludere, anche se quel tesoro gassoso resta lì dov’è. Un pensiero che corre veloce nelle menti, soprattutto di quelle che sono a casa senza lavoro e con una famiglia da mantenere. E ci si risparmi lo straccio delle vesti da parte di politici e grandi decisori pubblici: su 60 milioni di Italiani ce ne sono forse 50 che la pensano così. Magari un motivo ci sarà…

Per tutta risposta, però, la società Saras ha commentato laconicamente «Prendiamo atto della decisione del Savi, che non intacca l’impegno profuso finora». Vi è però da credere che dietro al politically correct di facciata i coltelli si stiano affilando in casa Moratti.

Non resta quindi che aspettare e vedere se negli anni successivi qualcuno verrà preso per un orecchio e obbligato a rivederle certe valutazioni. E magari convenire che, si, il costo vale la candela. Magari ci vorrà anche una rivoluzione di Sardi che ritornano per fame al brigantaggio, ma la speranza è l’ultima a morire.

Non tutti hanno però la fortuna in Sardegna di lavorare come censori severi delle proposte industriali ed energetiche. Infatti l’isola è attanagliata da una crisi economica e occupazionale senza precedenti, tanto da far prendere la strada dell’emigrazione a diverse persone. E qui iniziano quindi gli interrogativi.

Fatto salvo che l’ambiente è unico ed è bene preservarlo, va comunque tenuto a mente che fra prudenza e fobia vi è una profonda differenza. Come pure vi è una profonda differenza fra preservazione dell’ambiente in un’ottica di sviluppo economico, alla tedesca, tanto per intendersi, e l’auspicio del ritorno a stili di vita più consoni al Neolitico che al terzo millennio dell’Era moderna.

Nel giro di pochi anni vari comitati del no hanno infatti ottenuto diverse “vittorie”.

La base militare americana dell’isola della Maddalena è stata fatta sloggiare con tanto di gommone che seguiva l’ultima nave mostrando un cartello di sfottò “we will miss you”, ci mancherete, se tradotto in italiano. Fra una decina di anni si potrà valutare per via numerica se la partenza dei sommergibili nucleari avrà migliorato le statistiche oncologiche degli isolani, cosa che in molti, compreso chi scrive, ritengono improbabile. Certa è invece la perdita secca di giro d’affari delle attività commerciali dell’isola, le quali sulle famiglie dei militari americani ci campava anche benino. I dollari dei militari, di sicuro, già da oggi “will miss” molto più di quanto certi taddei in gommone potessero infatti pensare.

Un’altra occasione la Sardegna l’ha sprecata rifiutando l’offerta di stoccare sul proprio territorio scorie nucleari. Già, proprio quelle cose brutte che Chernobyl, Fukushima bla bla. Peccato siano anche le scorie che derivano da macchinari necessari a terapie e diagnosi mediche, come per esempio la radioterapia ai malati oncologici. Le scorie radioattive sono rifiuti spinosi, ma gestibili, checché ne dicano i soliti talebani “no nuke” a prescindere, quelli cioè che non sanno la differenza fra una centrale a pile atomiche in cilindri di grafite, come Chernobyl, e quelli a immersione in fluidi di moderazione, come quelli delle centrali di terza generazione che danno energia a mezzo Mondo. Italia ovviamente esclusa.

Anche su questo fronte i gruppi di pressione anti-nucleare hanno avuto la meglio e un’altra fonte di ricchezza per l’isola è stata rimandata al mittente. Questa volta, almeno, senza cartelli idioti e gommoni al seguito.

Solo pochi mesi prima della querelle del metano, l’ennesimo comitato del no aveva poi combattuto strenuamente contro le risaie storiche dell’Oristanese. L’accusa? Le risaie, in quanto zone umide, possono far proliferare le zanzare e di conseguenza la Febbre del Nilo. Del resto, ampie porzioni della Sardegna meridionale erano coperte da paludi e solo le bonifiche fatte nel Ventennio fascista le recuperarono agli usi agricoli, industriali e urbani. Cioè alla civiltà, a meno di pensare che vi sia della civiltà in una palude asfittica e infestata d’insetti portatori di malattie che provocano nel Terzo Mondo alcuni milioni di morti all’anno.

Dopo tali elenchi, corrono quindi alla mente gli operai dell’Alcoa, industria sulla quale si basava la vita di un intero comprensorio, finita nel nulla causa l’impossibilità di mantenerne i consumi energetici a costi di mercato. L’Italia, facendo come al solito la furbina assistenzialista, ha per anni praticato ad Alcoa sconti importanti sull’energia, fino a farci tirare le orecchie dall’Europa in materia di concorrenza. Non è carino infatti che un’azienda sopravviva solo grazie agli aiuti statali. Molto meglio se quell’azienda l’energia se la procura da sé e compete quindi ad armi pari. Un concetto che in Italia provoca l’orticaria solo a nominarlo.

E si ritorna quindi al punto di partenza: nel sottosuolo della Sardegna vi sono tre miliardi di metri cubi di metano, per un valore superiore al miliardo di euro. Una risorsa che forse avrebbe potuto cambiare le sorti dell’Alcoa e di molte altre aziende che invece hanno chiuso, mettendo sulla strada i dipendenti e nei guai le loro famiglie.

Forse la palude di S’Ena Arrubia è davvero quella chicca da preservare. Forse l’intransigenza di chi boccia progetti con facilità impressionante è davvero motivata. Forse la paura mostrata verso zanzare e Febbre del Nilo vale per delle risaie, ma non per quello stagno.

Ma forse anche no.

E altrettanto forse, magari potrebbe aiutare i Sardi dotati di ben dell’intelletto, quelli che davanti ai vari comitati del no restano basiti, se il Governo centrale italiano dicesse alla Sardegna che da adesso in poi se la deve cavare da sola, senza incentivi, senza sgravi, senza contributi. Perché una Regione che aveva la possibilità di auto-mantenersi anche grazie a basi militari, scorie da stoccare e metano da estrarre, il tutto in sicurezza e senza paranoie eco-sanitarie tutte da dimostrare, poi non ha il diritto di chiedere allo Stato quei denari cui ha rinunciato in nome della Gallina prataiola, animale selvatico divenuto ormai simbolo dell’ambientalismo iper conservatore che sta condannando l’isola a divenire un porto di migranti. In uscita, ovviamente. Mica in entrata.

Con buona pace di chi, ostaggio di una sicumera ignorante e stolida, continua a difendere le scelte del no all’estrazione del metano dietro a farlocche argomentazioni di correttezza procedurale.

 

Disclaimer: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui