Chi sono..

Percorso di studi

Donatello Sandroni, Genovese classe 1964. Sono stato trapiantato a Milano giusto per iniziare le elementari. Nel mezzo, una breve parentesi a Piombino (LI), ove a quattro anni sono riuscito a farmi sbattere fuori da un asilo gestito da suore a seguito di alcune mie “intemperanze”. D’altronde era il 1968 e in qualche modo volevo partecipare alla ribellione generazionale. Nella città “da bere” mi sono quindi diplomato in lingue (inglese, tedesco e spagnolo) perché dopo lunga e attenta meditazione, presi coscienza del fatto che il liceo linguistico era quello a più alto tasso di belle figliole. Divenuto più maturo mi sono laureato in scienze agrarie (indirizzo tecnico-economico)  presso l’Università degli Studi di Milano. Agraria è infatti l’esatto opposto del liceo linguistico: fra diserbi, insetti e vacche da latte, di distrazioni allo studio ce ne sono davvero poche. Colpito però da repulsa verso le solite ricerche sugli effetti di qualche fertilizzante sulle produzioni agrarie, optai per una tesi sperimentale sui generis. La ricerca verteva infatti sul fenomeno dell’eutrofizzazione delle acque lacustri. Forse per semplificare, ora mi chiamano tutti “agronomo”, ma per chiarezza (viste le ultime figurette di certi politici o aspiranti tali) non sono mai entrato nell’Ordine perché l’ho sempre ritenuto inutile per la mia carriea. Quindi, per favore, non chiamatemi “agronomo” perché non lo sono.

Dopo la laurea ho svolto per quasi cinque anni attività di ricerca presso il gruppo di eco-tossicologia della medesima università. Nel corso di quel periodo ho conseguito anche un dottorato di ricerca in “Chimica, Biochimica ed Ecologia degli Antiparassitari”. I temi approfonditi nelle due differenti tesi presentate vertevano sul destino e il comportamento ambientale di alcune sostanze attive abitualmente utilizzate in agricoltura. Ma come per il punto precedente, non chiedetemi il diploma, perché non sono mai andato a Roma per ritirarlo di persona, come veniva preteso fare. Visto che sono di Milano, non ho infatti mai capito perché non si potesse spedire a casa del titolare, anche a spese sue. Se qualcuno proprio vuole, gli spedisco un pdf del certificato d’esame finale e uno del diploma di cintura gialla di karate (quello per la marrone è troppo grosso e non mi entra nello scanner…).

Esperienze professionali

Dal febbraio 1996 al settembre 2001 ho svolto differenti mansioni per DuPont de Nemours Italiana: dall’R&D al marketing, con infine una positiva esperienza anche nel reparto commerciale. È in questa veste che ho imparato a conoscere i vari “patacca” che vivono gabellando il prossimo con promesse mai mantenute. Brutta gente: alla larga.

Dal settembre 2001 all’ottobre 2003 ho coperto il ruolo di responsabile tecnico per la filiale italiana della Comercial Quimica Massò di Barcellona. Ho avuto in tal modo occasione di occuparmi ancora di sviluppo, coordinando le attività sperimentali dei centri di saggio nostri partner, come pure di regulatory, seguendo le necessarie procedure ministeriali per l’ottenimento di registrazioni a livello nazionale. Infine, ho seguito anche le attività di comunicazione dell’azienda, sia da un punto di vista dell’advertising, su carta e su web, sia con la partecipazione ad eventi e incontri di carattere tecnico sul territorio nazionale e all’estero. Poi mi licenziarono da un giorno con l’altro, cosa di cui li ringrazierò in eterno perché in tal modo mi hanno permesso di aprire la mente verso esperienze molto più edificanti e costruttive che mangiare chipirones (calamaretti) accompagnati da vino rosso (barbari..).

Dal novembre 2003 al dicembre 2010 ho coperto per Image Line Network le attività commerciali e di marketing relativamente ai principali key-account dell’azienda. Nei sei anni di collaborazione con Image Line ho operato parimenti come giornalista e uomo di comunicazione, svolgendo un ruolo di sostegno e integrazione alle attività di marketing delle aziende partner a me affidate. Essendo però un fervido sostenitore della proattività, ho anticipato la crisi del settimo anno al sesto, dando le dimissioni e proiettandomi nella fase successiva della mia vita professionale e umana: la libera professione. Almeno se devo litigare con il mio capo, mi basta guardarmi nello specchio.

Lo stato attuale

Come detto sopra, dal gennaio 2010, come logica conclusione del mio percorso umano e lavorativo, ho scelto infine la strada della libera professione. Oggi svolgo attività di tipo giornalistico per Agronotizie, facente capo a Image Line Network, come pure per Macchine Trattori di Editoriale Orsa Maggiore, casa editrice di cui sono anche uno dei soci fondatori. Parallelamente, fornisco consulenza e supporto nelle attività di comunicazione di aziende del settore agricolo.

 

 

No perditempo please

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: