Bugie dalle gambe sempre più corte

Nonostante ciò, ripetere un milione di volte che la Terra è piatta non la farà diventare tale

La recente pubblicazione sugli ogm della Scuola Sant’Anna e dell’Università di Pisa ha mandato nel panico ecologisti e biologici, cioè le due lobby che in Italia hanno pressoché l’esclusiva in termini di comunicazione al pubblico. Hanno quindi mentito per tutti questi anni? Sì. E piano piano la verità sta venendo fuori.

Ogm devastatori di ambiente contro biologico ecosostenibile e salvifico. Questo in sostanza il messaggio che da decenni martella i consumatori, inducendone una crescente parte a spendere molto di più per comprare alimenti millantati più sicuri, ecologici e sostenibili. Ma le cose stanno davvero così? Niente affatto. Tutti i limiti del biologico e della disinformazione ecologista stanno emergendo pezzo a pezzo, come pure stanno finalmente circolando informazioni e studi scientifici che sbugiardano le campagne maramalde orchestrate da sempre contro biotecnologie e agrochimica.

Ultima della serie, la ricerca sviluppata dalla Scuola Sant’Anna di Pisa e dall’Università della medesima città toscana. Una ricerca che ha già provocato stizzite reazioni da parte di Federbio, tramite il proprio presidente Paolo Carnemolla, oppure del biologo Gianni Tamino.

Bufale, fake news. Così vengono definite le notizie che hanno rilanciato lo studio pisano. Mica scienza. Del resto, afferma Tamino, lo studio non parla della presenza di pesticidi nelle colture ogm, mentre Carnemolla minimizza da parte sua i benefici dell’avere meno micotossine grazie agli ogm, affermando che il bio può usare un ceppo atossigeno di aspergilli atti a competere con i ceppi tossigeni. E via così.

Che i giornali abbiano in effetti suonato trombe un filo alte di ottava, ci sta. Un fatto che però non pare disturbare quando ciò sia a favore di ecologisti e del biologico, evento che accade con estrema frequenza purtroppo. Lì, però, i toni trionfalistici non paiono mai troppi.

Quando invece la stampa dà lustro a una ricerca a favore degli ogm scatta la gara a chi trova più critiche da buttare sul tavolo. È una tecnica comunicativa ben strutturata nel mondo bio-ecologista: da un lato bisogna alimentare paure verso ciò che non si vuole vedere nei campi, come pesticidi e ogm, per esempio. Dall’altro si deve sminuire l’utilità di suddette tecnologie. Il risultato è che la gente non ci mette molto a dire no a qualcosa che gli è stato detto che non solo è pericoloso, ma che è addirittura inutile.

Peccato, o per fortuna, che non sia affatto così. A dispetto delle campagne allarmiste e denigratorie, le supposte evidenze di pericolosità ancora non sfondano alla prova dei fatti, mentre stanno lievitando le evidenze scientifiche di segno contrario. Chiaro che così il fronte no-ogm e no-pesticidi si senta minacciato e risponda tramite gli usuali megafoni che gli vengono prestati. Ma andiamo a vedere cosa dice la ricerca pisana. Perché alla fin fine, se le ricerche non si leggono, neanche si possono capire.

 

Attacchi di piralide alle foglie del mais. O si usano gli insetticidi, o si seminano mais Bt

 

Cosa dice lo studio

La meta analisi elaborata a Pisa sul tema ogm, ovvero lo studio comparato della bibliografia esistente su alcuni specifici aspetti, ha portato a conclusioni estremamente positive su questi ibridi innovativi. Ibridi coltivati ormai da più di vent’anni su oltre 185 milioni di ettari al Mondo senza che si siano mai realizzate le profezie da Cassandra che ecologisti e biologici hanno propagato fin dalla loro prima semina, avvenuta nel 1996.

La ricerca pisana è stata sviluppata su 542, 99, 813 e 29 lavori rispettivamente su rese & qualità, effetto su organismi target, non target e cicli biogeochimici, dimostrando come nel ventennio di utilizzo i mais gm abbiano ottenuto risultati superiori rispetto alle linee isogeniche (non-ogm) a loro vicine geneticamente.

Innanzitutto, la resa è mediamente aumentata dal 5,6 al 24,5%. Un dato che appare sottostimato, visto che i primi ibridi ogm non differivano molto quanto a rese dai loro simili convenzionali. Se tale ricerca venisse focalizzata solo sugli ultimi ibridi messi in commercio, tale percentuale sarebbe di molto superiore, visto il recente record di 33 tonnellate per ettaro ottenuto in America con un ibrido Bt. A termine di paragone, si pensi che in Italia si sputa sangue per trebbiarne 20, quando va bene bene. Il lungo periodo della meta-analisi ha cioè appiattito questo parametro, minimizzandolo. Nella realtà, può cioè essere solo che superiore.

Ottimi risultati anche per la sicurezza per la salute umana, dato che le concentrazioni di micotossine, fumonisine e tricoteceni sono risultate inferiori rispettivamente del 28,8%, del 30,6% e del 36,5%. Considerando la tossicità e la cancerogenicità di tali sostanze naturali, negare che ciò rappresenti un vantaggio per la salute, come si è subito cercato di fare a botta calda, richiede cioè uno sforzo di malafede invero consistente.

Certo, ci sono soluzioni basate su ceppi atossigeni di aspergilli, da spargere nei campi in modo che competano con i ceppi tossigeni. Ma tale bandiera del biologico è bene tenerla a mezz’asta, dato che la competizione fra organismi non porta mai a risultati definitivi, bensì solo a riduzioni parziali che possono variare molto a seconda dell’anno e del campo.

Inoltre, nulla vieta di spargere quei ceppi anche ai piedi delle piante di mais gm, riducendo ulteriormente il carico di micotossine nelle granelle e nei trinciati. Sono due soluzioni che infatti mostrano un elevato grado di complementarietà e solo i biologici tendenti al talebano possono vedere nell’una l’esclusione dell’altra. L’agricoltura integrata, invece, li userebbe volentieri entrambi. Ad averceli…

Quanto agli organismi non target analizzati, altro tema sensibile, questi non sono stati influenzati negativamente dai mais gm, per lo meno studiando le popolazioni di Anthocoridae, Aphididae, Carabidae, Chrysopidae, Cicadellidae, Coccinellidae, Nabidae, Nitidulidae e Staphylinidae e Araneae. I Cicadellidi sono risultati addirittura maggiori nei gm rispetto ai convenzionali, mentre sono calati del 31,5% i Braconidi, parassitoidi della piralide, per l’ovvio calo del parassita primario dovuto all’elevata efficacia del mais Bt nel suo contenimento.

In altre parole, quando qualche anti-ogm, come per esempio Carlo Petrini di Slow Food, accusa gli ibridi biotech di distruggere la biodiversità, dice cose contrarie al vero. Ognuno scelga un’espressione più confacente, se questa pare troppo gentile.

Tutto in regola anche per i parametri del ciclo biogeochimico nel suolo, almeno per ciò che suggerisce la composizione dei mais Bt rispetto ai loro corrispettivi convenzionali. Per esempio, il contenuto di lignina negli steli e nelle foglie non variano e la decomposizione della biomassa nel terreno è addirittura risultata più alta nei mais gm. Un eventuale aumento della lignina avrebbe infatti comportato un peggioramento, sia nel terreno, sia nell’alimentazione degli animali. Aumento che non è stato registrato.

Non varia neppure la concentrazione di proteine, lipidi e fibre totali della granella. Il valore nutrizionale è cioè stato verificato essere uguale, con altrettanta buona pace dei detrattori. Tali studi sono peraltro coerenti con altri sviluppati in passato proprio sugli animali da allevamento, come il famoso “100 billion study“(1), altra meta analisi pubblicata su “Journal of Animal Science” dalla quale si evince come gli animali d’allevamento americani godrebbero di ottima salute, nonostante gli oltre vent’anni di alimentazione ogm [e quindi anche di esposizione al famigerato glifosate, giusto per rispondere a Gianni Tamino, nda].

In quell’occasione i ricercatori avrebbero valutato numerosi studi riguardanti la salute del bestiame dal 1983 al 2011. Un periodo di 28 anni di cui 13 senza ogm. L’insieme degli studi ha riguardato un totale di 100 miliardi di animali, i quali per più di un quarto di secolo sono stati allevati consumando migliaia di miliardi di razioni sia con, sia senza ogm [Quindi sia con, sia senza glifosate, nda]. Comparando lo stato sanitario nei due periodi osservati, nessun effetto negativo sarebbe stato evidenziato a carico dei capi nutriti con mangimi ogm, sia che fossero resistenti a glifosate, sia che fossero resistenti agli insetti, sia che fossero resistenti a entrambi.

Vi è quindi seriamente da dubitare che possano essere dannosi il latte, le uova o le carni consumate dagli esseri umani, se gli ogm non hanno fatto male in primis agli animali che se ne sono nutriti, come si è invece cercato di dimostrare in Italia falsificando le ricerche, unico modo rimasto per sostenere questa tesi allarmista.

Tornando quindi allo studio pisano, sarebbe infine trascurabile anche l’impatto sul biota del terreno, rilevandosi solo modesti effetti, in qualche studio, su alcune specie di ciliati, lombrichi e pochi altri organismi, ma troppo poco per essere sufficienti in una meta analisi. Di certo, la conclusione del gruppo di ricerca è che nei reali ambienti di campo, gli eventuali effetti sul biota del terreno sono leggeri e transitori, non rappresentando per il suolo un problema in tal senso.

Una conclusione confermata anche dal Rivm (Istituto per la salute pubblica e per l’ambiente del Ministero della salute, welfare e sport olandese). Tramite la sua pubblicazione “General Surveillance for effects of GM crops on the soil ecosystem“, dimostra come:

Only very few and small effects of GM crops on the soil ecosystem were found. In all cases, effects of normal agricultural practice, such as tillage and the cultivation of other crop species, were larger than those caused by the GM crops“.

In altre parole, analizzando la presenza e il livello di degradazione della sostanza organica del terreno, come pure l’andamento di alcune popolazioni chiave del suolo, come nematodi o alcuni microrganismi, i ricercatori olandesi hanno concluso che le variazioni sono minime rispetto alle colture convenzionali.

E comunque, cosa drammatica soprattutto per Federbio e tutto il biologico in generale, gli ogm sono ampiamente meno impattanti delle lavorazioni del suolo, cioè quelle su cui il biologico vive, avendo bandito con disprezzo ogni erbicida di sintesi. Ciò però li obbliga, per lo meno quelli onesti che non usano erbicidi di nascosto, a ripetute lavorazioni meccaniche.

Oltre all’aratura, che necessariamente deve essere profonda se si vuole avere un minimo di riduzione del numero di semi delle infestanti, servono spesso un paio di ulteriori lavorazioni di affinamento, come le discature, anch’esse altamente energivore, e le rifiniture pre-semina con gli erpici a denti. Il risultato è un terreno completamente nudo, ridotto letteralmente in briciole dagli organi meccanici.

 

Risultati di un’aratura del terreno. Si provi a immaginare l’effetto anche delle successive lavorazioni necessarie a rendere la terra seminabile

 

Circa gli impatti sui lombrichi e sugli artropodi del terreno, ovviamente, il biologico glissa. Come pure glissa sull’ossidazione della sostanza organica indotta dall’esposizione delle particelle del terreno all’aria e quindi all’ossigeno. Per non parlare delle tonnellate di CO2 emessa dai trattori, i quali hanno dovuto solcare ripetutamente i campi trainando pesanti attrezzi e consumando fiumi di gasolio.

Inoltre, le lavorazioni del terreno possono essere la peggior scelta possibile quando si operi in aree collinari, come quelle del centro e del sud Italia. Arare e lavorare le colline da seminare a grano o girasole, infatti, apre la via ai tanto temuti processi di erosione superficiale, operata dal vento e, soprattutto, dalle piogge. Se invece si coltivano mais o altre colture sarchiabili, alle lavorazioni pre-semina si aggiungono la strigliatura più una o due sarchiature, la cui seconda può essere sostituita da una rincalzatura, atta a rivoltare la terra sui piedi della coltura. Ciò serve per “sbarbare” le malerbe dal centro delle file e per coprirle con della terra lungo le file stesse, ove ovviamente le sarchiature precedenti non potevano arrivare. In altre parole: un massacro reiterato dei suoli.

Tali impatti negativi delle lavorazioni al terreno il biologico cerca di compensarli con rotazioni frequenti, apporti di letame e altre forme di sostanza organica, ma anche tramite cover crops e messe a riposo di ampie porzioni aziendali, come avviene per esempio con chi coltivi riso “davvero biologico”, lavorando e coltivando solo la metà dell’intera superficie aziendale e lasciando a riposo l’altra.

Tale approccio comporta però tre distinti problemi: il primo è che l’Italia ha visto dimezzare in un secolo le proprie superfici coltivabili, da 24 milioni di ettari circa a soli 12 milioni. In altre parole, ogni fazzoletto di terra dovrebbe produrre il massimo che può anziché essere lasciato “a riposare”. Secondo punto: il letame è materiale difficile da reperire al di fuori della Pianura Padana, ove risiede la maggior parte degli allevamenti zootecnici. E se si pensa che la maggior parte delle aziende e delle superfici a biologico sono al Sud, in primis in Sicilia, ben si comprende quanto quella del letame come soluzione taumaturgica sia poco più che una favola buona per una minoranza delle aziende. In più, l’apologia del letame cozza con tutto quanto si dice circa gli impatti ambientali della zootecnia, accusata di emettere emissioni importanti di gas serra.

Infine le rotazioni. Queste fanno sicuramente bene al terreno, ma abbattono le produzioni aziendali. Il riso lo si può coltivare solo in ben precise aree geografiche: fare rotazioni in quelle aree implica una perdita secca di riso a livello nazionale. Non scherzano nemmeno le aree cerealicole, ove le rotazioni possibili dal punto di vista economico sono più che altro grano e girasole, dato che le leguminose foraggere non hanno praticamente più senso proprio per la rarefazione degli allevamenti dall’Emilia Romagna in giù. Seminare leguminose ha quindi senso solo come cover crop, una pratica che non a caso è seguita anche da molti agricoltori non biologici che pratichino la semina su sodo. Ma queste non danno reddito e con la situazione economica attuale delle aziende agricole non appare soluzione percorribile.

Se quindi vi sono pratiche che risultano insostenibili, arcaiche, inefficienti e tutt’altro che ecologiche verso suolo e atmosfera, sono proprio quelle alla base del biologico, il quale sta in piedi solo grazie all’abile martellamento di marketing con cui ha convinto i consumatori a spendere il doppio o il triplo per avere qualcosa che, in sostanza, è equivalente o addirittura peggiore del convenzionale, come appena visto.

A oggi, per le colture cerealicole e per quelle industriali, come mais, soia, girasole, colza etc., le pratiche più moderne, ecologiche, produttive e sostenibili sono infatti quelle che prevedono la semina su sodo, avulsa da lavorazioni meccaniche, ma che utilizzano diserbanti (incluso il vituperato glifosate) e ibridi ogm atti a ridurre i costi per gli agricoltori, innalzare le produzioni, minimizzando al contempo gli impatti sul suolo, le emissioni di anidride carbonica e gli input chimici, come per esempio quelli degli insetticidi.

 

Esempio di semina su sodo, senza alcuna lavorazione. Pratica impercorribile dal biologico che non usa diserbanti. L’impatto per il suolo è ampiamente minore (Foto: Giovanni Picciuto)

Su quest’ultimo tema, degli insetticidi, basti pensare che i mais Bt doppio resistenti a lepidotteri e coleotteri, ovvero piralide e Diabrotica, permettono di saltare le applicazioni alla semina degli insetticidi microgranulari a base di piretroidi, come pure di evitare i trattamenti estivi a piena chioma.

Nel primo caso si parla di prodotti che vanno impiegati a decine di chili per ettaro (anche 50 kg/ha). Nel secondo, viste le maggiori concentrazioni dei formulati, si possono eliminare ulteriori chili di insetticidi in piena estate. Il computo cala però molto se si pensa alle sole sostanze attive: un geoinsetticida granulare a base per esempio di lambda cialotrina allo 0,4%, anche se applicato a dosi di 15 kg/ha implica un utilizzo di soli 60 grammi di sostanza attiva. La medesima sostanza attiva, applicata per via fogliare in estate, implica una dose di soli 200 millilitri per ettaro, pari a circa 20 grammi di lambda cialotrina.

Uno dei cavalli di battaglia dei bio-ecologisti è invece basato proprio sulla negazione che si riducano gli insetticidi, dato che gli ibridi resistenti alla sola piralide permettono di eliminare come visto solo 200 ml/ha di prodotti, necessitando però di trattamenti con geoinsetticidi che vanno applicati a decine di chili. La diminuzione assoluta appare in tal modo trascurabile, quando invece è comunque sensibile. Da 80 grammi di sostanza attiva complessiva applicata, si può infatti scendere a 60, con un calo del 25% in quantità. Un calo che diviene appunto del 100% se l’ibrido prescelto è doppio-resistente a piralide e diabrotica.

Se quindi le molteplici accuse mosse agli ogm e all’agrochimica restano a oggi ancora nel limbo della non provabilità scientifica, i dati sui vantaggi che essi portano sono tangibili sotto tutti i punti di vista. Ben si comprendono quindi i guaiti di biologici ed ecologisti di fronte a studi come quello pisano, denigrato a gran voce, come al solito, al fine di screditarlo e di minimizzarne i contenuti.

Per comprendere in modo definitivo come stiano davvero le cose, basterebbe aprire alla sperimentazione in Italia. In tal modo sarebbe facile comparare gli ogm con in non-ogm. Come pure sarebbe facile comparare differenti modi di produrre cibo, ovvero nostalgie biologiche contro tecnologie moderne.

Fra pro e contro ogm e chimica c’è un solo schieramento contrario alla sperimentazione. Per capire chi mente e chi ha paura della verità, chiedetevi quindi chi si oppone con ogni mezzo a tali prove di campo…

1) A. L. Van Eenennaam 2 and A. E. Young (2014): “Prevalence and impacts of genetically engineered feedstuffs on livestock populations”. Journal of Animal Science, Vol. 92 No. 10, p. 4255–4278

Dichiarazione di conflitto d’interessi: chi scrive è di origini livornesi, quindi ha severi conflitti d’interessi rispetto ai ricercatori in quanto pisani!

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

Annunci

Complottismi e disastri annunciati

Uliveto sano e adeguatamente diserbato

Dal 31 luglio 2017, data di inizio dei monitoraggi sul territorio pugliese, al 3 gennaio 2018 ammontano ormai a 734 i nuovi casi di positività, in soli cinque mesi

Olivi infetti da Xylella fastidiosa sub. pauca: quasi cinque nuovi casi al giorno negli ultimi cinque mesi per un totale di 734 casi di positività al batterio. Questo è quanto emerge dai monitoraggi sul territorio in cui sono stati coinvolti circa 150 tecnici a partire dal 31 luglio 2017.

Ogni nuovo aggiornamento è stato caricato sul sito “Emergenza Xylella” sotto la voce “Protocollo SELGE”. Per ogni albero monitorato vengono riportate le coordinate di georeferenziazione e il comune di appartenenza, nonché la data di rilevamento e il numero di identificazione dell’albero. Le analisi di laboratorio per confermare la presenza di Xylella sono effettuate tramite qPcr, acronimo di “quantitative polymerase chain reaction”, una tecnica di laboratorio basata sull’amplificazione del dna trovato nei campioni prelevati.

Dal lavoro di accorpamento dei dati, svolto dalla redazione di Infoxylella.it, si evince che dei 734 alberi trovati positivi, ben 332 sono stati rinvenuti nella sola Oria, in provincia di Brindisi. Per giunta, tali dati sarebbero riferiti solo a una zona ristretta del Comune, ovvero quella che si affaccia sulla fascia di contenimento. La gran parte del territorio di Oria è infatti ormai considerata endemica per il patogeno, quindi non viene più monitorata. In pratica, è spacciata. Un aspetto che dovrebbe indurre severe considerazioni sull’ostruzionismo mostrato da più parti in tema di contenimento dell’epidemia.

A seguire i dati drammatici di Oria giungono poi i 125 positivi di Carovigno, 106 a Francavilla Fontana, 90 a Ceglie Messapica, 28 a Ostuni, più altri positivi sparsi in un’altra dozzina di comuni, come San Michele Salentino (15), Taranto (10), Sava (7), Latiano (7), Villa Castelli (5), Maruggio (2), Cisternino (3), San Vito di Normanni (1), Grottaglie (1), Fracagnano (1) e Manduria (1).

Considerando l’estensione dell’area da monitorare, nonché i presumibili alberi positivi ma ancora asintomatici, il quadro appare in tutta la sua drammaticità, in quanto i 734 olivi rinvenuti è facile siano solo la punta dell’iceberg. Una situazione in continua evoluzione che il 2018 contribuirà a meglio definire nei numeri e nella localizzazione dei casi. In attesa che chimica e genetica trovino una soluzione concreta che permetta di arginare l’avanzata del patogeno.

Sempre che i mortiferi complottismi che hanno finora bloccato ogni piano di difesa non si mettano ulteriormente di traverso.

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

Glifosate: troppe omissioni e sterili polemiche

La soia: ovvero la coltura gm resistente a glifosate più osteggiata dal fronte ambientalista

 

A seguito del rinnovo dell’erbicida scoppiano le polemiche contro chiunque stia fuori dal coro abolizionista. È toccato anche alla Senatrice Elena Cattaneo, la quale ha osato esprimere opinioni divergenti dall’allarmismo dominante

Liberate il Kraken!“. Una frase ormai divenuta cult e pronunciata per la prima volta nel film Scontro fra Titani, con Liam Neeson nel ruolo di Zeus. Il Kraken è un mostro marino mitologico di enormi dimensioni, il quale viene evocato nel film affinché riceva in pasto la principessa Andromeda per scongiurare la distruzione della città di Argo. Mitologie cartoonistiche a parte, qualcosa di simile accade a Elena Cattaneo ogni volta che apre bocca in materia di scienza: le viene scatenato contro il Kraken dei molteplici suoi detrattori, tutt’altro che mitologici.

La sua uscita su La Repubblica in tema di glifosate ha infatti generato un’ondata di critiche da più parti. La Senatrice sarebbe infatti rea di aver ricordato che la Iarc, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, non è l’Oms, bensì solo una sua branca. Come pure di aver riassunto le sue modalità di classificazione per gruppi delle sostanze indipendentemente dai differenti livelli di rischio. Di certo, le lance da lei spezzate a favore degli ogm e le critiche mosse al biologico sono state ottimi inneschi all’onda di proteste e contumelie nei suoi confronti.

Ultima della serie, almeno per ora, la polemica mossale su Scienzainrete da quattro ricercatori, ovvero Annibale Biggeri, Franco Merletti, Benedetto Terracini e Paolo Vineis, “epidemiologi ed esperti di cancerogenesi ambientale”, come descritti nella pagina web che ha riportato la loro polemica. In tale occasione Elena Cattaneo è stata accusata di aver adombrato “non meglio precisati conflitti di interesse che avrebbero spinto alcuni componenti dell’agenzia OMS a nascondere dati“. Pure hanno affermato gli esperti che Iarc sarebbe “la struttura della Organizzazione Mondiale della Sanità deputata al riconoscimento dei rischi ambientali“, godendo per tale ragione di “grande prestigio su scala mondiale”. Segue una citazione dei famigerati Monsanto Papers, denunciati da un quotidiano francese “del calibro di Le Monde“. Il calibro di un giornale, a quanto pare, viene misurato in funzione di quanto soddisfi i bias di conferma di chi legge, visto che lo stesso Le Monde ha anche pubblicato un successivo articolo dal titolo “Glyphosate: Monsanto tente une dernière manœuvre pour sauver le Roundup” (Glifosate: Monsanto tenta un’ultima manovra per salvare Roundup), nel cui sommario si afferma che “La firme de Saint Louis est impliquée dans une campagne de dénigrement visant le toxicologue américain Christopher Portier” (la Casa di St.Louis è implicata in una campagna denigratoria contro il tossicologo americano Christopher Portier).

Christopher Portier è colui che venne chiamato dall’Agenzia di Lione a coprire il ruolo di Presidente della Commissione Iarc che nel 2014 decise di procedere su glifosate, sebbene fosse attivista dichiarato dell’Environmental Defense Fund, associazione ecologista anti–pesticidi. Un palese conflitto d’interessi, perché risulta del tutto fuori luogo chiamare in causa su un “pesticida” un soggetto che appartiene a un’organizzazione che dagli Anni 60 ha in odio proprio i “pesticidi”. Per giunta, si è poi scoperto che Portier ha pure firmato un contratto di consulenza da 160 mila dollari con Weitz & Luxenberg, lo studio legale che stava elaborando la Class Action contro Monsanto, la medesima settimana in cui venne pubblicata la monografia Iarc. Per ulteriore giunta, per stessa ammissione di Portier, egli avrebbe avuto contatti con quello studio legale addirittura prima che iniziasse il processo di valutazione di glifosate.

Eppure per un quotidiano “del calibro di Le Mondesarebbe Monsanto la cattiva, colei che trama per calunniare l’eroe del popolo e dell’ambiente. Non il contrario. Un comportamento per lo meno bizzarro, il quale vi è da sospettare che non si sarebbe verificato se la consulenza fosse stata firmata con Monsanto anziché con lo studio legale americano. Perché essere “cattivi” o “buoni”, a volte, può dipendere dalla persona che t’inonda di quattrini per farti dire ciò che serve a lui, anche se magari non corrisponda al vero.

Qualche puntualizzazione va poi posta sull’affermazione che vorrebbe la Iarc “la struttura della Organizzazione Mondiale della Sanità deputata al riconoscimento dei rischi ambientali“. Ciò non corrisponde a verità e sconcerta che gli epidemiologi ambientali sottolineino con orgoglio la familiarità con le attività della Iarc, con la quale alcuni di loro avrebbero per giunta avuto “l’opportunità di parteciparvi direttamente“. Con buona pace dei quattro, infatti, la Iarc non produce affatto valutazione dei rischi. Tale lavoro implica il confronto fra evidenze bibliografiche di tossicità o cancerogenicità, con i livelli reali di esposizione umana o ambientale. Senza l’analisi dei livelli di esposizione non è possibile quindi stimare alcun rischio. La Iarc, al contrario, effettua valutazioni di mero pericolo potenziale. Ovvero, se una molecola si è mostrata in grado di produrre cancri, seppur a dosi vertiginose, viene comunque classificata cancerogena anche se stoccata su Saturno.

Ben altro approccio quello di altre Agenzie internazionali, come le europee Efsa, Echa, Bfr, ma anche L’Environmental protection agency americana, i Jmpr, gruppi congiunti di lavoro Oms/Fao, l’Australian pesticides and veterinary medicines authority, la Pest Management Regulatory Agency canadese, l’Environmental Protection Authority neozelandese e perfino l’Ufficio federale dell’agricoltura elvetico. Tutte hanno effettuato la valutazione dei rischi, includendo quindi i livelli di esposizione umana, e per tale ragione hanno concluso che glifosate è sicuro per la salute. Boccone amaro da ingoiare per taluni, ben si comprende, ma che sarà bene ingoiarlo facendo buon viso a cattivo gioco.

L’affermazione dei quattro epidemiologi richiama quindi alla memoria la famosa frase di Gino Bartali, il campione di ciclismo fiorentino che soleva dire “E gli è tutto sbagliato, e gli è tutto da rifare!“. Altrimenti non si spiegherebbe la convivenza nel medesimo gruppo 1, quello dei sicuramente cancerogeni, di raggi Gamma e raggi Uv, visto che per i primi non basta certo evitare di esporsi nelle ore centrali del giorno, né esistono creme protettive che ne mitighino gli effetti. Ancor più emblematico l’accostamento di amianto e carni lavorate, visto che per il primo le dosi nefaste erano così basse da impedire una qualsivoglia stima del rischio. Infatti l’amianto è stato bandito, mentre würstel, costine e salamelle continuano a rosolare sulle griglie di ogni sagra paesana dello Stivale.

Quindi i casi sono due: o si bandisce ogni sagra in quanto spacciatrice di tonnellate di sostanze cancerogene, o si conviene che la Iarc dei rischi proprio non si occupa manco di striscio. Un’evidenza sottolineata perfino da Aaron Blair, Chairman del gruppo di lavoro Iarc che ha posto gifosate nel gruppo 2A, quello dei “probabili cancerogeni”. In occasione della prima polemica sviluppatasi fra Iarc ed Efsa, lo stesso Blair ha infatti ricordato come la valutazione di pericolo (non di rischio) risponda solo a una semplice domanda: “Può una sostanza causare danno in qualche circostanza, a un certo livello di esposizione?“. In altre parole, concluse Blair, la Iarc afferma che glifosate “potrebbe” causare il cancro negli esseri umani, ma non afferma che probabilmente lo fa. Un buon senso espositivo che appare ora comprensibile in tutta la sua prudenza, alla luce di quegli studi rimasti in suo possesso, ma mai pubblicati. Cioè quelli cui alludeva forse la Senatrice Cattaneo.

Già, perché insieme ai Monsanto Papers e ai Portier Papers vanno posti anche i Blair Papers. Nonostante fosse chairman della Iarc, Blair avrebbe infatti omesso di pubblicare uno studio(1) epidemiologico sviluppato su oltre 54 mila operatori professionali americani alla caccia di tumori correlabili con gli agrofarmaci.

A carico di glifosate non sarebbe emersa alcuna correlazione col cancro, nemmeno con i linfomi non-Hodgkin che per la Iarc, invece e inspiegabilmente, ci sarebbero. Forse, se invece di lavorare su ricerche svolte su poche decine di individui, a volte solo sette, la Iarc avesse potuto (o fosse stata obbligata a, chissà?) prendere in considerazione anche tale studio, le sue conclusioni avrebbero dovuto essere necessariamente diverse, dando così l’addio a tutto il clamore politico, mediatico e pure legale che la vicenda glifosate ha assunto a causa di quella opinabile monografia.

Sui perché Blair abbia omesso di pubblicare quello studio prima che glifosate fosse valutato dalla Iarc resta il mistero. Sta di fatto che il lavoro del suo stesso istituto è stato pubblicato solo a dicembre 2017, quando ormai la bomba era scoppiata da due anni e mezzo.

Una bomba che continua nella sua deflagrazione, visto che perfino il CSST (Committee on Science, Space, and Technology del Senato degli Stati uniti), avrebbe spedito due lettere a Chirstopher P. Wild, direttore della Iarc, esigendo nella prima spiegazioni sulle strane manipolazioni dei report finali della Agenzia. In esso, cita il Commitee americano, “Anche gli studi che chiaramente conclusero ‘glifosate non è cancerogeno’ sono stati citati come ‘sufficiente’ prova di glifosate come cancerogeno negli animali. Nel capitolo di dieci pagine sugli studi sugli animali, ci sono dieci cambiamenti significativi quando si confronta la monografia finale Iarc e la versione di progetto. Questo capitolo di studi sugli animali è l’unica parte della valutazione di glifosate che è stata studiata. Il resto delle 92 pagine del report è coperta da un ordine di riservatezza. Il Comitato si chiede quanti cambiamenti significativi ed eliminazioni appaiono nelle altre pagine”. Nella seconda lettera si sollecita invece Wild a rendere disponibili i membri della Iarc per un’audizione sul tema, perché l’Agenzia, a quanto pare, su questo punto ha fatto orecchie da mercante. Per la cronaca, la Iarc ha appena aperto il concorso per il successore di Wild, il quale non porterà a termine il secondo quinquennato da direttore.

Alla luce di ciò, sorge quindi un dubbio: ma se le evidenze più solide sono per l’innocenza di glifosate, qualcuno si accorgerà mai che esse coincidono con le conclusioni degli studi emersi in occasione dei Monsanto Papers? Perché a quanto pare lo scandalo è scoppiato sulle relazioni con Monsanto, onestamente imbarazzanti, fra un vice direttore dell’Epa americana e alcuni scienziati. Ma nessuno si è preso la briga di valutarli quegli stramaledetti studi. Perché, sorpresa delle sorprese, forse bisognerebbe convenire oggi che quelle ricerche erano ben fatte, giungendo infatti alle medesime conclusioni dello studio prodotto proprio dall’istituto in cui lo stesso Blair lavora.

Conclusioni che parrebbero confermate anche dalla comparazione di due semplici dati, uno racchiuso in un rapporto del Jmpr Oms/Fao(2), l’altro derivante da un monitoraggio di 23 anni alla ricerca di glifosate nelle urine di mille cittadini statunitensi(3). In tale lasso di tempo, e su un tale numero di campioni prelevati, si sarebbe ottenuto un picco massimo di 0,547 µg/L di glifosate nelle urine. Glifosate viene infatti escreto per circa un terzo proprio con l’urina, mentre i restanti due terzi con le feci. Meno dell’1% viene metabolizzato, salvo poi essere escreto pure lui con le urine.

Ciò significa che un uomo di 70 chilogrammi che urinasse 0,547 µg/L di glifosate, ingerisce circa 40 nanogrammi di glifosate al giorno per chilo di peso corporeo. Negli studi riportati dal Jmpr la prima soglia a cui si sono ravvisati effetti cancerogeni sarebbe stata alla dose di un grammo al giorno per chilo di peso. Già a 500 milligrammi/chilo/giorno tali effetti non si rilevavano.

Le cavie, roditori, avrebbero cioè ricevuto ogni giorno, per due anni, una dose di 25 milioni di volte superiore a quella assunta dal cittadino americano a maggior escrezione, riportato nello studio su menzionato. E peraltro, l’incidenza tumorale ottenuta in laboratorio sarebbe stata a carico di emangiosarcomi in ragione dell’8% nei maschi e del 2% nelle femmine. Non un’ecatombe. Ecco: questa è una valutazione del rischio. E il rischio, a quanto pare, non c’è.

Per quanto si comprenda bene che lettere come quella della Senatrice Cattaneo creino la voglia di scatenarle contro i molteplici Kraken anti-pesticidi e anti-ogm, una sola conclusione può esser tratta sulla vicenda glifosate. Questo erbicida ha una sola colpa: è simbolo di Monsanto, degli ogm e dell’agricoltura intensiva. Ovvero fumo negli occhi di qualsiasi eco-bio-radical-chic che propugni crociate contro chimica e genetica, magari trovando nel passato soluzioni che non possono certo trovare spazio nel futuro, come per esempio le lavorazioni meccaniche dei terreni per contrastare le malerbe.

Sarà bene per tutti arrendersi infatti all’evidenza che tali lavorazioni sono quanto di più dannoso vi sia per il suolo in termini di sostanza organica, come pure di stabilità della struttura e di biodiversità. Il futuro guarda cioè in tutt’altra direzione, come per esempio la semina su sodo, grazie alla quale la sostanza organica del terreno può salire in pochi anni fino al 63% rispetto ai campi lavorati(4): una manna contro l’erosione dei suoli e contro il dissesto idrogeologico. Come pure una manna contro i gas serra, visto che tale pratica abbatte drasticamente i consumi di gasolio che le lavorazioni meccaniche implicano invece a fiumi. E in aria ci sono già concentrazioni di anidride carbonica superiori alle 400 parti per milione. Un record che dovrebbe indurre a più miti consigli perfino coloro che siano ossessionati da qualche microgrammo di “pesticidi” nelle acque e nei cibi. Perché la semina su sodo necessita di diserbanti, uno su tutti glifosate da applicare in pre-semina.

Ci se ne faccia quindi una ragione, perché non c’è niente di più sciocco che scatenare a comando il Kraken solo per farlo poi prendere a sberle da numeri ed evidenze scientifiche.

 

1)  Gabriella Andreotti et Al. (2017): “Glyphosate Use and Cancer Incidence in the Agricultural Health Study“. JNCI J Natl Cancer Inst. First published online November 9, 2017

2) Joint Fao/Who Meeting on Pesticide Residues (2004): “Evaluation 2004 – Part II – Toxicological”.

3) Paul J. Mills, Izabela Kania–Korwel, John Fagan et al (2017): “Excretion of the Herbicide Glyphosate in Older Adults Between 1993 and 2016”. JAMA. 2017; 318(16):1610–1611

4) Lodovico Alfieri (2013): “Agricoltura conservativa”. Università degli Studi di Milano – DiSAA

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

 

Minoranze rumorose e pericoli sottovalutati

Lezioni della storia, ormai dimenticate

Gran parte delle discussioni sui social sono incentrate su argomenti che se non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere. Come affrontarle: ignorando i complottisti e gli anti-scienza in genere, oppure opporsi con numeri e informazione?

C’è chi non crede la Terra sia tonda e spesso va a braccetto con chi sostiene che il nostro pianeta sia stato creato per come dice il Libro del Genesi, che abbia circa settemila anni e che i dinosauri si siano estinti poche migliaia di anni fa a causa del Diluvio universale. Ma questa è già storia vecchia: ultimamente la scena è dominata da chi crede che i vaccini provochino autismo e altre gravi patologie. Altri hanno invece sposato il complottismo delle scie chimiche e c’è chi si mette in testa dei cappellini fatti di fogli da alluminio per impedire che gli venga letta la mente. A tali personaggi vanno sommati i negazionisti dello sbarco sulla Luna, i complottisti delle Torri Gemelle, abbattute secondo loro dalla Cia, oppure quelli che credono alle sirene marine o al controllo del Mondo tramite microchip innestati sottopelle.

Più specifici i movimenti in Puglia che negano che a fare seccare gli ulivi sia la Xylella fastidiosa, batterio patogeno arrivato in Italia dal Costa Rica. Ogni altra ragione del fenomeno sarebbe per loro valida, tranne quella reale. E infatti l’epidemia prosegue alla grande, con grave danno per l’agricoltura e per il paesaggio locale.

Per non parlare dei seguaci di ogni più disparata teoria alimentare che definisce veleno oggi questo, domani quello, promettendo vita pressoché eterna a patto di focalizzare su ben precisi alimenti aborrendone altri. Adorabile in tal senso la pubblicità della Motta, la quale prende per i fondelli proprio tali vaneggiamenti pseudo-salutistici (“E da oggi con le bacche di Goji! … Scherzo!!!”). Uno spot che è andato a segno, vista l’ondata di haters che si è scatenata contro il famoso panettone meneghino.

Messi tutti insieme i vari soggetti di cui sopra sono una ristretta minoranza della popolazione. Su 60 milioni di Italiani quanti saranno mai, l’uno per mille, che fa circa 60 mila? O pochi punti percentuali, considerando solo la popolazione adulta? Insomma, potrebbero essere considerati quattro gatti da lasciar parlare senza curarsi troppo di ciò che dicono.

Ma qui sta l’errore.

Il passato ci insegna che, per esempio, il nazismo è nato dall’aggregazione di un risicato gruppuscolo di invasati i quali, sfruttando il malcontento della Repubblica di Weimar, seguirono gli svagelli di un paranoico come Hitler e si espansero al punto di vincere le elezioni. Ciò grazie soprattutto alla propaganda efficace coordinata da Joseph Göbbels, il quale soleva ripetere che una menzogna ripetuta milioni di volte diviene realtà. E a giudicare dalla presa che hanno avuto miti e leggende religiose nella storia, come dargli torto? L’uomo vuole credere, mica capire e apprendere. E deve fare proseliti a più non posso.

Infatti, se ci fate caso, ogni complottista che si rispetti si mostrerà sempre molto attivo nel condividere a nastro le molte idiozie in cui crede. In tal senso è alquanto azzeccato il personaggio di Maurizio Crozza, Napalm51, il quale passa intere giornate a condividere panzane e insulti su web, attaccando a destra e a manca chiunque provi a contrastare le suddette panzane.

Quattro gatti, si diceva, ma attivissimi. Sembrano milioni e agiscono come guidati da un piano superiore da tanto che operano in accordo gli uni con gli altri. Molto più semplicemente usano tutti i medesimi schemi mentali, bacati, e quindi agiscono e reagiscono come tanti cloni del medesimo organismo capostipite. Una sorta d’intelligenza collettiva, tipo quella delle formiche, anche se di intelligenza nei loro argomenti ve n’è davvero poca.

Bollarli quindi come scemi del villaggio è facile, ma inutile. In fondo lo sono, è vero. Ma a differenza degli scemi del villaggio di 50 anni fa, ben noti ai compaesani e quindi innocui, questi si sono aggregati nel villaggio globale trovandosi in rete e galvanizzandosi all’idea di non essere soli nell’Universo. Da singoli personaggi balzani di nessun peso sono diventati cioè movimenti che esercitano pressioni anche a livello politico.

Basti pensare ai recenti picchettaggi davanti a Montecitorio organizzati da qualche migliaio di antivaccinisti, ottenendo come premio l’introduzione dei vaccini mono-componente. Di fatto una stupidaggine che avrà quale unico effetto la moltiplicazione dei costi a carico del servizio sanitario nazionale e l’incasinamento dei piani vaccinali. Ma tant’è a fare casino e a urlare qualcosina hanno pur ottenuto.

Tutto ciò, però, mica vale solo per i complottisti anti-scientifici. I vegani a suon di moltiplicare siti web, blog e pagine Facebook, sono arrivati a ottenere l’attenzione di alcuni amministratori pubblici, i quali propugnano ormai l’alimentazione vegana in scuole e asili. Del resto, c’era già riuscita la lobby del Bio a farsi aprire la porta dei pasti scolastici, perché non avrebbero dovuto riuscirci i vegani?

Molte delle categorie di cui sopra sono poi rappresentate dalle medesime persone, moltiplicando cioè l’effetto quantitativo del fenomeno. Sembrano cioè un esercito sconfinato, ma alla fine sono spesso gli stessi che si cambiano solo cappello e combattono su fronti diversi facendo il medesimo baccano. Tanto il livello di preparazione scientifica della popolazione italiana è così basso che le loro argomentazioni farlocche sono percepite come tali solo da una minoranza ancor più ristretta di persone, ovvero i razionalisti dalle robuste basi scientifiche. Questi sì che sono quattro gatti e per giunta divisi e litigiosi fra loro. Quando addirittura non sono collusi, dati i guadagni interessanti che si possono fare inventandosi cure farlocche o alimentando e cavalcando allarmi ingiustificati.

Ma quindi, i complottisti anti-scientifici sono innocui o pericolosi? Dobbiamo lasciarli fare che poi tanto passano da soli, oppure dobbiamo osteggiarli per impedir loro di fare danni? L’esempio summenzionato del nazismo direbbe che sì, andrebbero fermati sul nascere, prima che facciano presa su un numero significativo di persone.

Basti pensare ai creazionisti americani stile Sarah Palin e George W. Bush, i quali hanno cercato di inserire l’insegnamento del creazionismo a scuola al pari dell’evoluzionismo. Si è arrivati cioè ad avere degli “scemi del villaggio” posizionati ai più alti livelli della politica della prima potenza mondiale. Se non è un pericolo questo, mi si deve spiegare cos’altro lo può essere. Del resto, pare che un quarto degli Americani creda sia il Sole a girare intorno alla Terra e non viceversa. Terreno fertile quindi per ogni tipo di cazzaro pseudo-religioso.

L’ultima domanda è quindi la più difficile: che fare?

Se li sberleffi trattandoli per gli imbecilli, ignoranti, disonesti e paranoici che sono, non va bene. Perché con gli insulti non si arriva da alcuna parte, si dice. Se provi ad argomentare con prove e numeri, neanche va bene, perché così li polarizzi sulle loro posizioni anziché convincerli ad abbandonarle. Se gli ignori, come visto, questi possono correre senza barriere convincendo un numero sempre più ampio di persone, come appunto avvenuto in Germania a cavallo degli Anni 20 e 30. Poi si è visto cosa è successo.

Al di là però di certi pipponi mentali sui massimi sistemi, ammirevoli per gli sfoggi di cultura, ma sterili dal punto di vista dei risultati, di proposte concrete atte ad arginare efficacemente il fenomeno non pare ve ne siano. Le minoranze di sbullonati sono comunque più numerose delle minoranze di razionalisti, quindi sul fronte del web vincono loro a mani basse. Aiuterebbe la formazione scolastica, moltiplicando le ore dedicate alle scienze?

Forse, se non fossimo in un Paese che più che a mettere a posto la preparazione degli alunni pensa da decenni a come mettere a posto le chiappe dei milioni di aspiranti insegnanti che ambiscono alle cattedre solo perché non trovano altri posti di lavoro.

Forse, se non fossimo un Paese con il Vaticano in casa, con i preti che colonizzano le suddette scuole elargendo le note favole sull’acqua trasformata in vino, dei pani e dei pesci, dei cadaveri resuscitati e di guarigioni miracolose. Basta avere fede, no? E se uno crede alle passeggiate sull’acqua, perché mai non dovrebbe credere che la farina è cancerogena?

Forse, se non avessimo in Parlamento scagnozzi anti-progresso e anti-scienza, ognuno in base al totem che si è prefissato di abbattere. Basti pensare alle barricate contro l’eutanasia, per esempio. O contro gli ogm, di cui quasi nessuno sa cosa siano, ma che in Italia non possono essere coltivati grazie soprattutto a politici che anziché adoperarsi per aprire tavoli scientifici di dibattito preferiscono cavalcare opportunisticamente le istanze delle suddette minoranze allarmiste, magari dando la benedizione ai convegni sulla biodinamica.

Il destino del mondo occidentale è quindi segnato. La regressione verso una società e una politica a-scientifica è ormai avviata e non la si può fermare. Un po’ come stare su un treno coi freni rotti che marcia verso la fine dei binari: solo l’impatto finale farà capire alle minoranze rumorose quanto fossero idiote. E da lì in poi si potrà finalmente ricominciare. Che so, un’epidemia, una carestia. Cosucce del genere.

Nel frattempo, condividete ogni possibile link e notizia di stampo scientifico. Rendetevi moltiplicatori di dati ed evidenze. Aiutate quei poveracci che, in netta inferiorità numerica, si stanno sbattendo anche per voi. Prendete quindi una posizione e schieratevi. Forse non basterà a vincere la guerra, proprio perché “loro” sono di più. Ma se aveva ragione Göbbels, e ce l’aveva, una verità ripetuta milioni di volte deve per forza valere di più di una menzogna ripetuta milioni di volte.

E se alla fine sbatteremo comunque insieme al treno, una volta usciti dalle lamiere vi potrete togliere la soddisfazione di dire: “Io ve l’avevo detto, manica di deficienti!

Ben piccola soddisfazione, è vero. Ma meglio di niente. Soprattutto, meglio che essere complici col proprio silenzio.

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

 

 

Ogm Vs Bio: le sorprese del mais

Attacchi di piralide alle foglie del mais

Attacchi di piralide alle foglie del mais

 

L’opinione dominante attuale vuole gli ogm perniciosi per la salute, per la biodiversità e per l’ambiente in generale. Si reclama quindi l’alternativa Bio. Sicuri sia un affare?

La risposta, come spesso accade su tali argomenti, è no. Per lo meno stando ai numeri. Chiedere la proibizione di mais gm in Europa oppure opporsi alla loro autorizzazione in Italia, può quindi rivelarsi atteggiamento irrazionale e addirittura dannoso. Vediamo i perché analizzando il mais ogm per antonomasia qui in Europa: il MON810.

Il MON810, lanciato da Monsanto quasi vent’anni fa, fu uno dei primi mais resistenti agli attacchi delle larve di lepidottero, quelle che richiedono per lo meno un trattamento all’anno con insetticidi nelle aree ove le popolazioni di questi parassiti siano significative. Per conferire resistenza a tali attacchi venne trasferito al mais un gene prelevato da un batterio presente nel terreno, il Bacillus thuringiensis. Questo gene codifica per una proteina che risulta tossica per le larve di lepidottero, quindi se una pianta coltivata viene arricchita con questo gene acquisisce anch’essa la possibilità di sintetizzare la proteina/tossina trasformandosi a tutti gli effetti in una sorta di maestro di Aikido: non attacca nessuno, ma chi lo attacca fa una brutta fine. Su questo ultimo punto vi sono però posizioni differenti, ritenendo alcuni che il polline dei mais Bt possa invece depositarsi sulla vegetazione spontanea e uccidere le larve di falene e altre farfalle non pericolose per il mais. Lasciamo quindi la parola ai numeri per capire chi ha ragione.

 

Stessa proteina, usi differenti

L’efficacia insetticida delle delta-tossine Bt era conosciuta ben prima che si parlasse di ogm. Esistono infatti da tempo diversi preparati a base di un mix di tossina libera (la cosiddetta “delta-tossina”, appunto), spore di batteri e brodo di coltura, presenti nei vari formulati in proporzioni variabili. Questi vengono perciò utilizzati in agricoltura come insetticidi. Essendo poi basati su un microrganismo, tali insetticidi possono essere utilizzati anche in agricoltura biologica, la quale ne fa ovviamente ampio uso, non potendo in teoria utilizzare insetticidi chimici di sintesi.

Sull’Uomo la tossicità è quasi nulla. Bisogna mangiarne a cucchiaiate per avere un effetto avverso. Ciò perché il nostro apparato digerente è molto diverso da quello di una larva d’insetto. Quest’ultimo presenta l’intestino con pH alcalino, a volte fino a pH 10. Noi abbiamo invece uno stomaco in cui il pH è acido, scendendo sotto il valore di pH 2 durante la digestione. A tali valori il pepsinogeno si trasforma in pepsina, l’enzima che spacchetta le proteine ingerite nei loro componenti principali. La delta-tossina del Bt viene quindi demolita nel nostro stomaco al pari di altre proteine presenti nei cibi di origine vegetale e animale. All’intestino non arriva quindi intera, come avviene negli insetti, risultando perciò innocua. Al contrario, nell’intestino alcalino degli insetti diventa una sorta di groviglio di filo spinato che lede i tessuti e induce nelle larve l’incapacità di nutrirsi. Cosa che le porterà a morire d’inedia nel giro di poche ore o giorni.

A questo punto, esclusi eventuali problemi tossicologici per l’Uomo, sia a carico dell’insetticida, sia a carico degli ogm, proviamo a capire se vi sono differenze in termini ambientali fra i due approcci, ogm e bio, analizzando banalmente le quantità di tossina messe in gioco da ciascuno dei due.

Nei mais Bt, capaci come detto di sintetizzare autonomamente la proteina/tossina, le concentrazioni di questa variano molto in funzione dei tessuti vegetali presi in considerazione. Approssimativamente, mediando diversi studi di campo(1), i contenuti di delta-tossina Cry1Ab presente nel MON810, sarebbero stati misurati intorno agli 8-10 mg/kg di peso fresco nelle foglie, concentrazione che si rivela di fatto efficace nel contenere le larve di piralide, il principale parassita che attacca il mais nei nostri areali. Molto meno nella granella, scendendo le concentrazioni di delta-tossina a valori compresi fra 0,16 e 0,69 mg/kg. Ancor più basse le concentrazioni nel polline, con soli 0,09-0,097 mg/kg. Nel polline vi sono quindi concentrazioni di delta-tossina circa cento volte inferiori a quelle delle foglie, ovvero le parti di pianta attaccate dalla prima generazione di piralide.

Anche stando ai documenti dell’Epa(2), Environmental Protection Agency americana, le concentrazioni di delta-tossina nei pollini sarebbero molto basse. In tre differenti analisi di MON810 (Illinois, Nebraska, Indiana) nel polline sarebbe stata trovata infatti la delta-tossina Cry1Ab in concentrazioni che vanno da zero a un massimo di 0,079 µg/g di peso secco, corrispondenti a 0,079 mg/kg di polline. In linea quindi con i dati riportati dal parere dell’Ispra.

Infine, secondo i dati forniti da LG, un ettaro di mais in fioritura produce circa 250 kg di polline, pari quindi a un massimo di 20-22 milligrammi di delta-tossina Cry1Ab. Più del 90% del polline rimarrebbe peraltro confinato nel campo, mentre si sale praticamente al 98% spingendosi a soli 60 metri dai suoi bordi. Dei venti milligrammi circa di delta-tossina prodotta col polline ne uscirebbero quindi dai campi solo due o tre, pari a 2-3.000 µg (microgrammi = milionesimi di grammo). Di questi, solo 400-500 µg supererebbero la soglia dei 60 metri, diluendosi all’infinito nelle superfici più lontane. Praticamente un nulla.

Ragioniamo ora in termini di depositi di polline/tossina per metro quadro di terreno. Vista l’area interessata dalla deriva del polline, stimabile in diverse migliaia di metri quadri, intorno ai campi di mais si possono depositare al massimo pochi grammi di polline per metro quadro di terreno (4-5 g/m2). E questo solo nei metri quadri a ridosso del campo e ipotizzando che tutto il polline vada in una sola direzione. Cioè il caso limite. Ciò significa che di tossina se ne può riscontrare solo 0,3-0,4 µg/m2, cioè frazioni di milionesimi di grammo per metro quadro di terreno. Una dose del tutto inefficace nel controllo delle larve di lepidotteri. Quindi innocua anche per le specie non bersaglio che si nutrono di piante spontanee.

 

Mais bio: di più o di meno, signò?

Cosa succede invece se coltiviamo mais seguendo protocolli di agricoltura biologica? Non possiamo ovviamente utilizzare ogm, né insetticidi di sintesi. Quindi useremo prodotti a base proprio di Bacillus thuringiensis. Sul mercato ne esistono diversi, tutti riportanti in etichetta la potenza insetticida espressa in UI, ovvero le Unità Internazionali. Un vero ginepraio provare a convertire questa unità di misura in milligrammi. Per fortuna esistono le etichette ministeriali degli insetticidi registrati presso il Ministero della Salute. Fra queste si trovano anche quelle dei prodotti a base Bt, come per esempio quella di Agree, distribuito in Italia da Certis Europe, facente capo alla giapponese Mitsui. Useremo quindi la sua etichetta per fare le debite comparazioni con le quantità di delta-tossina nel polline del MON810.

La potenza insetticida di Agree, dichiarata in etichetta ministeriale, è pari a 25.000 UI/mg di formulato. È tanto o è poco? Risposta impossibile per un non-agronomo. Per fortuna, su 100 grammi di prodotto si evince anche come ve ne siano 50 considerati “sostanza attiva”, suddivisi in tal modo: 3,8 grammi di delta-tossina in forma libera e 46,2 grammi di spore e brodo di coltura. I restanti 50 grammi di prodotto sono invece coformulanti. Sempre scorrendo l’etichetta, si apprende che su mais Agree va applicato a dosi di 1-1,5 kg/ha. Solo di delta-tossina in forma libera ne vengono quindi applicati da 38 a 57 grammi per ettaro. A questi vanno poi aggiunte le spore e il brodo di coltura. In totale, gli agenti attivi distribuiti su un ettaro di mais con un solo trattamento di Agree vanno dai 500 ai 750 grammi. E i fenomeni di deriva, cioè quelli che portano gli aerosol insetticidi anche fuori dai campi, sono presenti pure nei trattamenti fitosanitari, anche a valori superiori al 10% visto per il polline di mais. Di prodotti analoghi ad Agree, peraltro, ve ne sono tanti, anche con potenze fino a 90.000 UI/mg di prodotto. Questi sono applicabili nel mais a dosi di 1-1,2 kg/ha, quindi di poco inferiori a quelle di Agree nonostante la potenza insetticida quasi quadrupla.

Comparando quindi i dati sulla dispersione della delta-tossina tramite polline di mais transgenico o tramite applicazione di un insetticida biologico, si può facilmente intuire che mentre il primo disperde nell’ambiente poche decine di milligrammi di delta-tossina libera, il secondo ne immette alcune decine di grammi. Applicando in campo la dose massima dell’insetticida di cui sopra, solo di tossina libera si immettono infatti nell’ambiente circa tremila volte i quantitativi che vengono liberati con il polline dal MON810 (20 mg contro quasi 60 grammi). Senza parlare delle spore. In tal caso si sale di alcune migliaia di volte.

In altre parole, chi per difendere falene e farfalle strilla contro i mais gm, perorando pure la causa del biologico, altro non fa che chiedere di moltiplicare di tremila volte l’immissione nell’ambiente della medesima tossina che viene stigmatizzata quando presente nel polline transgenico.

Qualsiasi studio vediate, qualsiasi accusa leggiate, ricordatevi quindi questo: anche nella remota ipotesi che quegli studi e quelle accuse fossero credibili, e il più delle volte non lo sono perché svolti in condizioni del tutto irrealistiche, se si passasse dalla coltivazione di mais transgenico a quella di mais biologico non si potrebbe fare altro che moltiplicare come minimo per tremila l’impatto ambientale su lepidotteri e altri organismi non bersaglio. Pensate a quali conseguenze vi sarebbero per esempio in Spagna, ove sono più di 100 mila gli ettari coltivati a MON810. Da una condizione in cui nell’ambiente vengono dispersi annualmente col polline due soli chili di delta-tossina (20 mg x 100 mila ettari), si passerebbe a circa sei tonnellate, alle quali andrebbero aggiunte le decine di tonnellate di spore batteriche contenute nelle oltre cento tonnellate di formulati Bt biologici che servirebbero per contrastare la piralide in sostituzione del transgenico.

A dimostrazione che è proprio vero che le vie dell’inferno sono spesso lastricate di buone intenzioni.

  • Parere Ispra su MON810 del 24 febbraio 2014, in risposta ai pareri favorevoli di Efsa, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare.
  • Epa: Cry1Ab and Cry1F Bt Plant-Incorporated Protectants September 2010 Biopesticides Registration Action Document

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

 

Aveva ragione Henry Kissinger?

Bayer e Monsanto: dati e numeri, non solo sulla loro fusione

Bayer e Monsanto: dati e numeri, non solo sulla loro fusione

Chi controlla il cibo controlla i popoli, ammoniva il Segretario di Stato americano. Ora Bayer compra Monsanto per 66 miliardi di dollari e diviene la prima azienda al mondo nel settore delle sementi e dei prodotti per la difesa delle colture. La libertà agroalimentare mondiale è quindi in pericolo?

La risposta è no, ma già circolano su web immagini di demoni dagli occhi infuocati, con la scritta “Da Monsatan a Beelzebayer”. È più forte di loro: le multinazionali sono il Male e tutti noi siamo minacciati da esse. C’è anche chi, come Piernicola Pedicini, Capogruppo in commissione Ambiente, Sanità e Sicurezza alimentare al Parlamento europeo, intravede la possibilità che la nuova realtà sia in grado contemporaneamente di fare ammalare la gente, tramite pesticidi e ogm, per poi curarla con le medicine di Bayer. Si paventa anche un “Leviatano”, mitologica figura mostruosa e gigantesca, da 70 miliardi di euro di fatturato. Invincibile, secondo i Cinque Stelle.

La realtà, come al solito, è ben diversa. Non vi è dubbio che la nuova Bayer, Antitrust permettendo, possa diventare il più grande player mondiale, ma i 70 miliardi di euro sono un sogno agitato dopo una peperonata mangiata fredda. Una cifra del genere la fattura l’intero Gruppo Basf, il più grande colosso della chimica mondiale. Bayer, come gruppo, ne fattura circa 46. Come CropScience “solo” 10,37. Per lo meno leggendo l’annual report 2015 della società. Questi sarebbero per l’82% derivati dai prodotti per la disinfestazione e la difesa delle colture e per il 18% dalle sementi, ogm o meno che siano.

Monsanto, altro annual report 2015, di miliardi di euro ne ha raccolti 13,5. Uno in più di Coop in Italia. Sì, la “Coop sei tu” vende in Italia poco meno di quanto venda Monsanto in tutto il Mondo. Il suo assetto è però all’opposto di quello di Bayer: il 66% circa deriva dalla genetica, ovvero le sementi, il restante terzo del fatturato proviene da glifosate, l’unico agrofarmaco del colosso di St. Louis. Molto sbilanciata, Monsanto. Perché viste le vicissitudini di glifosate a livello europeo e l’ostracismo, sempre europeo, verso gli ogm, la stabilità dell’azienda nel lungo periodo non pare fra le più robuste. Urge quindi un cambiamento. Ci ha provato, Monsanto, a comprarsi lei Syngenta. Ma ha fallito. E la multinazionale svizzera è diventata cinese, acquisita da quella stessa ChemChina, statale, risponde direttamente a Pechino, che due anni fa si è comprata il 60% di Adama, ex-Makhteshim Agan, azienda israeliana numero uno al Mondo per i prodotti off-patent. Cioè quelli scaduti di brevetto ma ancora appetitosi per la creazione di nuove formulazioni e miscele. Ora pare se la voglia rilevare tutto. Nel 2015 si è presa pure il 65% di Pirelli, annunciando subito il ritorno del Marchio anche ne segmento agricolo, settore dismesso da Pirelli una decina di anni fa e rilevato dalla svedese Trelleborg.

Intanto, Dow e Dupont diventavano una cosa sola, creando un grande polo americano per la genetica e la chimica agraria dal potenziale fatturato mondiale di 14,2 miliardi di euro.

Quella di Bayer-Monsanto è quindi la manovra più rumorosa, senz’altro la più appariscente. Non certo la più importante, visto che la Cina sta muovendo passi importanti verso l’agricoltura occidentale, specialmente quella europea. Lo stesso acquisto di Syngenta è arrivato solo dopo che il Governo cinese aveva annunciato di voler investire molto di più in biotecnologie e ogm. La Cina vuole cioè coltivarseli in proprio anziché importarli da Brasile e Argentina. Syngenta non è la numero uno al Mondo per vendite di sementi, visto che stalla sui 2,5 miliardi di euro contro i nove di Monsanto. Però ha il know-how, le strutture, i cervelli e le genetiche tutte lì, a disposizione. E a Pechino poco ne cala che sul Pianeta non sia in testa alle vendite, perché è appunto al mercato interno che sta puntando. Non a caso, sono diverse le università cinesi che hanno già messo a punto nuovi ibridi geneticamente modificati, pronti a essere coltivati in campo. Laggiù, nel Celeste Impero, le istanze allarmiste e farlocche non pare abbiano presa, a differenza dell’Europa. Un’Europa che ha fatto arricchire la Cina comprando i suoi prodotti a basso prezzo e che ora si vede assediata dal colosso asiatico e dal suo cambio di marcia. Da un assalto meramente commerciale, basato su scarpe a 10 € al mercatino rionale, ora la Cina ci sta aggredendo sul piano industriale ed economico. E i mezzi finanziari per farlo glieli abbiamo dati noi.

Forse sarebbe di questo che il popolo dovrebbe quindi preoccuparsi. Bayer, se l’acquisizione si concluderà senza intoppi, diverrà un importante riferimento commerciale e tecnologico, altamente bilanciato. Avrà infatti un catalogo di agrofarmaci spesso come un elenco telefonico e amplierà il proprio portfolio di sementi e genetiche, biotech e non. Anche il rapporto fra semi e chimica si equilibrerà molto, visto che sarà quasi fifty-fifty. E chissà che non sia proprio grazie alla nuova Bayer che l’avanzata della Cina in Occidente venga rallentata e, forse, fermata. Vedere solo il male nelle cose, non è infatti un buon approccio mentale. Così come non lo è vedere solo il bene.

Con Henry Kissinger abbiamo aperto, con Henry Kissinger è bene chiudere. Prima di illudervi che le sue parole fossero una mannaia su operazioni come quella di Bayer-Monsanto, ricordatevi che Kissinger fu politico statunitense, di origine ebraica tedesca, membro del partito Repubblicano. Un liberista, un Ebreo, per giunta tedesco. Per di più Repubblicano. Eppure le sue parole sono state a lungo adoperate a vanvera da chi sputacchia veleni sul Partito repubblicano, sui complotti globali giudaico-capitalisti e sulle politiche industriali liberiste e su quelle economiche tedesche.

Trovare gli annual report non è difficile, visto che siete pratici del web. Scaricatevi quello delle multinazionali di cui sopra, quelli del 2015, e poi leggeteveli. Ma leggetevi anche quelli della succitata Coop, di Auchan e di Carrefour. La prima, come detto, fattura in Italia 12,5 miliardi di euro, uno solo in meno di Monsanto a livello planetario. Auchan vende in Europa per 54,2 miliardi di euro, cioè più del doppio di quanto assommino i fatturati di Bayer e Monsanto.

Infine Carrefour: 77 i miliardi di euro raccolti nel 2015. Il 10% in più di Basf, colosso numero uno mondiale della chimica. Notizia fresca fresca: Bernardo Caprotti, patròn di Esselunga, lascia. A 91 anni molla la sua creatura e la mette in vendita. Carrefour è in pole position, visto che già nel 2004 ci aveva provato, senza successo. Oggi potrebbe rifarsi avanti e accaparrarsi i 7,3 miliardi di euro fatti registrare nel 2015 da Esselunga. Ciò la porterebbe a superare la soglia degli 84 miliardi di euro, operando solo in Europa. Una cifra che è una volta e mezza le vendite globali di agrofarmaci. La sola Carrefour venderebbe cioè molto di più di tutte le multinazionali della chimica agraria messe insieme. E vende cibo. Parla ai consumatori. Ne indirizza le scelte e le preferenze. Gli agricoltori contano poco o nulla nelle filiere agroalimentari, raccogliendo solo le briciole dei prezzi alla vendita della loro ortofrutta. Sono cioè l’ultima ruota del carro, la Cenerentola che vive di avanzi. E se conta così poco l’agricoltura sui banconi dei supermercati, sulle scelte alimentari della gente, sui commerci globali di cibo e di materie prime, cosa volete che contino i fornitori dell’agricoltura, ovvero le multinazionali del seme, della chimica e delle macchine agricole?

Bravi: una cippa quadra.

Henry Kissinger aveva quindi ragione. Solo che i governatori del cibo, i padroni dei popoli, forse sono altri…

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.

Le responsabilità degli irresponsabili

Sempre più frequenti gli atti eco-terroristici

Sempre più frequenti gli atti eco-terroristici

Si moltiplicano insulti, minacce e atti terroristici ai danni di chi produca o sostenga chimica agraria e biotecnologie. La follia è di pochi, tante invece le responsabilità, dirette e indirette

Ogni cosa per crescere va prima seminata, poi nutrita e infine irrigata. Solo così si possono ottenere i risultati sperati. Ciò vale in agricoltura, ma può valere anche contro di essa. I continui attacchi mediatici a chimica e biotecnologie stanno infatti ottenendo due effetti molto differenti fra loro, ma intimamente interconnessi. Il primo si sviluppa a livello politico e sociale, mostrando come sintomi tangibili le prese di posizione abolizioniste – tendenti a volte al forcaiolo nei toni – assunte da interi schieramenti parlamentari e pure da alcuni Ministri italiani. Perfino da quelli che, come Maurizio Martina, dovrebbero guardare a chimica e genetica agraria con occhi prettamente scientifici, avulsi cioè da opportunismi elettoral populisti. Il secondo effetto, fattosi ancor più bullo grazie al primo, mostra un crescendo di comportamenti folli e delinquenziali, quasi trovasse legittimazione proprio nel clima inquisitorio e perennemente allarmista che asfissia una gran parte delle tecnologie agrarie.

Ultimo della serie, un uomo di 36 anni, Noel Cruz Torres, ha fatto irruzione nella sede Pioneer Hi-Bred di Salinas, a Puerto Rico, lanciando bombe molotov fino a che la polizia non lo ha steso con i taser. Non prima di aver steso lui un lenzuolo con la scritta  “Alzati Boricua è il tempo di difendere il nostro Paese. Viva Puerto Rico libero!“. Un pazzo, si dirà. E in effetti ci sta. Ma le vere domande sono: perché se l’è presa con Pioneer per sfogare i propri disagi? Cosa è scattato nel cervello di Noel Cruz Torres perché si sia alzato, abbia preparato delle molotov e abbia immolato la propria libertà pur di attaccare la multinazionale americana?

Le risposte potrebbero essere molteplici. Di certo, non è stato un embolo improvviso, scaturito per caso mangiando nachos di mais transgenico. Gesti come il suo hanno origini lontane, nascono da minuscoli semi i quali, adeguatamente coltivati, divengono terrorismo. E così, come gli attentatori filo-Isis di Parigi e Bruxelles non sono certo nati dal nulla, bensì da un substrato di odio continuamente fomentato da spregiudicati ideologi, Noel Cruz Torres è nato anch’egli in un maleodorante humus intriso d’odio. Un terreno fertile, questo, reso sapientemente incandescente da altri ideologi, da altri scaltri manipolatori, ovvero dagli Imam delle nuove religioni: quelle ecologiste, animaliste e salutiste.

Quanto ha infatti contato nel gesto di Noel, domando, il continuo bombardamento anti-chimica e anti-biotech che infesta media e social network? Di quanti gradi sono saliti i gradi nel suo cervello grazie ai mantra ossessivi contro le multinazionali padrone del Mondo, affamatrici di poveri, distruttrici di ambiente e salute?

Impossibile stimarlo con precisione, ma sicuramente è possibile attribuire una bella fetta di responsabilità a tutti coloro che fanno attivismo compulsivo, creando allarmi anche dove non ci sono, gettando continuamente benzina sul fuoco, magari infarcendo i propri argomentari con pannocchie iniettate di liquidi colorati o di maschere anti gas indossate per mangiare una mela. Oppure creando vere e proprie bufale, come quella degli olivi ogm del Salento e del glifosate come causa delle morie di ulivi. Senza dimenticare le accuse a piriproxifen, un insetticida, di essere responsabile della microcefalia in Brasile, una patologia causata invece da un virus trasmesso dalle zanzare. Dulcis in fundo, tumori e altri malacci sbattuti là un po’ dovunque, ovviamente, se no il popolino rischia di non ascoltarli più i Cavalieri dell’Apocalisse incipiente. Un’Apocalisse che mai si verifica, ovviamente, per lo meno analizzando gli ultimi duemila anni della storia dell’Umanità.

Se oggi quella povera anima di Noel Cruz Torres viene sdoganato semplicisticamente come pazzo isolato, come sempre accade in tali situazioni, come vanno catalogati i cosiddetti “antagonisti” che hanno messo due volte nel mirino l’Efsa di Parma? La prima invadendone la sede al fine di intimidire l’Agenzia in tema di ogm, sui quali essa ha sempre espresso pareri scientifici favorevoli. La seconda inviando una bomba camuffata da lettera, guarda caso nel bel mezzo della diatriba fra Iarc ed Efsa su glifosate. Perché se non dici ciò che gli ambientalisti vogliono, nel migliore dei casi vieni criticato aspramente, nel peggiore ti becchi una bomba.

Ben lo sanno le quattro vittime di analoghe missive esplosive che nel 2015 vennero inviate ad altrettanti membri della Alianza Protransgénicos, un’associazione messicana di tecnici, professori universitari e agronomi che sostengono gli ogm. Al grido “O l’Umanità ferma Monsanto, o Monsanto fermerà l’Umanità” gli sono state spedite quindi bombe. Così imparano a dire che gli ogm non sono il Male Assoluto, come viene pervicacemente rimbalzato dalle lobby  ambientaliste nonostante le 15 mila pubblicazioni scientifiche che le smentiscono.

Ma poi, suvvia, al di là del deprecabile gesto da minorati mentali e morali di mandare ordigni a padri di famiglia, davvero credete che il Male sia Monsanto? Una multinazionale che fattura a livello globale quanto incassa Coop in Italia? Se proprio volete fare gli eco-terroristi, almeno documentatevi prima sugli ordini di grandezza dei mulini a vento che nel vostro delirio avete deciso di attaccare.

Non ha invece ricevuto bombe Kevin Folta, ma “solo” minacce di aggressioni e di morte. Folta è professore del Dipartimento di Scienze Orticole dell’Università della Florida ed è stato “fortunello”, perché fatto oggetto solo di mail-bombing, stalking, insulti, minacce, per la sua attività divulgativa a favore delle tecnologie agrarie, sia chimiche, sia genetiche. In particolare, Folta è stato messo al centro del mirino dal cosiddetto “Food Babe Army,” uno sparuto ma esaltato esercito composto dai seguaci di Vani Hari, ovvero la Regina americana delle pseudoscience sul cibo. Food Babe, questo il nickname di Vani Hari, è anche maestra del cosiddetto “fear mongering“, cioè la tattica che usa la paura per fomentare odio verso qualcosa, oppure per orientare le scelte del popolo. Al suo confronto, Vandana Shiva è l’amministratore delegato di Syngenta. Come reazione, Folta ha dovuto sospendere le proprie attività di divulgazione “anti-cazzari”, salvo poi tornare, smaltita la paura per sé e per la famiglia.

Analoga sorte è toccata a Jay Cullen, professore presso l’Università della British Columbia. Anch’egli costretto dalle minacce di morte a sospendere la propria attività come divulgatore anti-ecoterroristi. La sua colpa? Aver dimostrato che lungo le coste degli Stati Uniti non vi era traccia delle millantate radiazioni fuoriuscite dalla centrale di Fukushima. Gli ambientalisti stavano infatti terrorizzando da mesi la popolazione nordamericana con bieche falsità inventate di sana pianta. Zero. Non c’erano, le radiazioni. Cullen lo ha misurato e pubblicato ed ha per questo ricevuto minacce di morte, per sé e famiglia. Perché gli eco-terroristi son fatti così: se dimostri coi fatti che sono dei farabutti, dei disonesti, degli ignoranti, dei disadattati sociali e mentali, rispondono con le minacce, anche di morte.

Orbene, care lobby ecologiste che amate presentarvi come la “faccia pulita del Pianeta“, i buoni che combattono il Male: come li definite i soggetti di cui sopra? Sono forse “compagni che sbagliano“, come vennero definiti i Brigatisti Rossi da parte di quel Comunismo parlamentare in cui essi affondavano le proprie radici culturali?

Oppure vi sentite del tutto separati da ciò che fanno e dicono, tanto da non riconoscere più nemmeno le suddette radici comuni su cui le vostre azioni, per quanto distinte, si fondano?

Se ancora non ve lo aveva detto nessuno, ve lo dico io ora: i cervelli dei soggetti di cui sopra sono sì bacati, su questo non ci piove. Ma il virus che anche per tale ragione vi si è installato con facilità ha il medesimo dna di molti vostri attivisti. O magari anche dirigenti, perché no? Gente che forse le bombe non è abbastanza folle per metterle, ma che tutto sommato gongola quando viene a sapere che qualcuno, quelle bombe, pur le ha messe.

Non pensiate quindi di essere intangibili da qualsiasi polemica in tal senso. Perché personalmente non vedo grandi differenze fra un matto che si mette nei guai tirando molotov alla Pioneer e degli attivisti di Greenpeace che calpestano il Colibrì di Nazca, patrimonio dell’Umanità, solo per stendere uno dei soliti striscioni anti-qualcosa.

La musica è la stessa, non ci provate neanche a dire che non è così. Semplicemente, è solo il volume con cui viene suonata ad essere più alto o più basso a seconda dei casi. Ecco perché definirvi non violenti per scavare fossati identitari fra voi e loro, ai miei occhi appare come mettersi il deodorante invece di lavarsi.

Pensate a questo, la prossima volta che sarete tentati di fomentare ulteriore allarmismo gratuito, facendo magari altre “inchieste” sul glifosate nella birra o negli assorbenti intimi. Oppure generando paure sui residui di agrofarmaci nelle mele, sebbene questi fossero tutti regolari per Legge. Perché la gente, là fuori, si spaventa. Ovvio che ciò lo sapete benissimo, come pure sapete altrettanto bene che tale paura viene comoda alle vostre istanze. Ma siamo onesti: non è comportamento condivisibile, né scientificamente, né socialmente, né mediaticamente, né politicamente.

Diventate finalmente adulti e responsabili, perché è l’ora che la finiate di ficcare continuamente delle mine sotto i pilastri della Civiltà Occidentale, anche quando tali mine non abbiano alcun senso e motivazione reale. Perché non esiste auto promozione associazionista che valga l’impaludamento del progresso, né tanto meno l’incolumità di brave persone.

E, magari, ora scrivetegli due righe a quel povero mentecatto di Noel Cruz Torres. Per scusarvi se per caso ha male interpretato le vostre istanze, come pure per spiegargli che la lotta a favore dell’ambiente non si fa con le molotov. Lui forse non capirà, perso nei suoi deliri scritti sui lenzuoli, ma sarebbe comunque un segnale simbolico di alto valore in un Mondo sempre più in balia di gente come Vani Hari & soci. Soci dai quali non potete più esimervi dal prendere distanze materialmente misurabili, invece di chiudervi in silenzi assordanti in occasione di tali misfatti, o di limitarvi a qualche commento circostanziale di condanna che suona più come il risultato di un compositore automatico di testi, anziché di sentimenti autentici.

 

Disclaimer 1: nessun commento è ammesso. La spiegazione qui

Disclaimer 2: i bannerini pubblicitari che possono apparire nel blog sono di wordpress. Dato che adopero una versione gratuita, loro sperano che io gliela paghi mettendomi pubblicità. Ignorate ogni suggerimento a diete, prodotti o cure miracolose: sono contrarie ai contenuti del mio blog e pertanto me ne dissocio apertamente.